6 Modi per creare un portfolio online

di Francesca Urbinati

Le soluzioni per creare un portfolio online sono molte, ma se punti a un risultato professionale diminuiscono drasticamente. Ecco come sceglierle e a cosa fare attenzione.

Sito proprietario con dominio

È la soluzione più professionale in assoluto, più facile ed economica di quanto pensi.

Il tuo indirizzo web personale, detto “nome a dominio”, mette subito in chiaro la serietà delle tue intenzioni e ti dà una marcia in più rispetto a chi si accontenta delle piattaforme gratuite e dei loro limiti.
Detta semplice: il tuo sito su mariorossi.com, unico in ogni sua parte, avrà un impatto molto più professionale e positivo del tuo account su piattaforma.com/mariorossi

Potrai usare un indirizzo email personalizzato, ad esempio un più professionale contattami@mariorossi.com (che puoi aggiungere a Gmail) invece di mariorossi.96@gmail.com

Creare un sito tramite WordPress e i suoi temi grafici è facile e intuitivo, bastano pochi click e il tuo scintillante portfolio online sarà pronto. Avrai il controllo completo del suo aspetto e infinite funzionalità da aggiungere.

La professionalità di un artista traspare dalla cura con cui si presenta online

Al contrario di quanto sembra, questa soluzione è molto economica. Ad esempio Serverplan, il mio fornitore hosting di fiducia, offre un ottimi pacchetti completi da 24 Euro + IVA all’anno.

Per convenzione internazionale, i nomi a dominio vengono assegnati col criterio “chi prima arriva se lo piglia”, anche nel caso del tuo nome e cognome. È una buona idea registrare il tuo dominio prima possibile o dovrai accontentarti di un altro. Verifica qui se il nome a dominio che vuoi usare è disponibile.

Se desideri un supporto o un corso per acquistare il tuo dominio e creare il tuo portfolio con WordPress, contattami senza impegno.

Piattaforme di portfoli online

A differenza del tuo sito ufficiale, le varie piattaforme sono soggette ai trend e alle mode. Una piattaforma può venire abbandonata in breve tempo (v. il caso Tumblr) o saturarsi in pochi anni. Sono ottime porte d’entrata per farsi conoscere e portare gli utenti giusti sul tuo sito, però dovrai fare i conti con la loro natura fluida e la competizione degli altri spettacolari artisti che le usano.

Pagina Facebook

Profilo e pagina Facebook

Non sto scherzando, è una questione molto seria. Se ti proponi per un colloquio oppure un potenziale cliente ti scopre col passaparola, stai sicuro che ti cercheranno su Facebook. Oppure su Google, trovando il tuo profilo e pagina Facebook in cima alla lista dei risultati.

Il tuo Facebook non è il luogo in cui farti il portfolio, ma sarà tra i primi risultati della ricerca online

  • Cura il tuo profilo e pagina Facebook
  • Tieni gli album organizzati, separa i disegni del portfolio dalle tue foto personali
  • Controlla la privacy dei contenuti che pubblichi (foto da ubriachi, post sfogo, bestemmie, ecc)

Su Facebook puoi avere un approccio più informale e personale, però ricordati che sei in piazza sotto gli occhi di tutti, anche del prossimo cliente o Art Director che intende ingaggiarti.

ArtStation

ArtStation

Al momento è la piattaforma più professionale e ricca di funzioni dedicata agli artisti.
C’è dentro davvero di tutto, dal 3D ai fumetti. La qualità è altissima, perciò ottenere visibilità all’interno del network non è affatto facile.

Se cerchi una soluzione sia gratuita e che professionale per il tuo portfolio, il profilo ArtStation è un buon compromesso. Tuttavia, tieni presente che molte funzioni e aree che influenzano la visibilità sono a pagamento.

Behance

Behance

Rispetto ad ArtStation, è dedicato soprattutto ai designer. Se ti occupi di design, web design e grafica pubblicitaria questo è un ottimo posto per creare un portfolio, confrontarti coi colleghi dello stesso settore e trovare clienti interessati a quello che fai.

DeviantArt

DeviantArt

È una delle più vecchie piattaforme per artisti. Di recente si è data un tono più professionale e ha introdotto la funzione per generare un bel portfolio dai contenuti del profilo grazie alla partnership con Wix.

DeviantArt ha molti pro e contro da valutare con attenzione. C’è qualsiasi forma d’arte, dalle illustrazioni alle foto stock, e questo lo rende dispersivo. La comunità di utenti è formata in buona parte da fandom di temi soggetti specifici, ad esempio manga e furry, da cui si possono ottenere commissioni private.

In passato DeviantArt ha “lanciato” molti artisti come Loish e Picolo, ma il suo cammino per diventare una piattaforma rivolta ai professionisti è solo agli inizi. Valuta se la tipologia, i soggetti e il genere di clienti che cerchi combacia di più con DeviantArt o con ArtStation.

Adobe Portfolio

Adobe Portfolio

Lo strumento di Adobe per creare il tuo portfolio online, pensato per fotografi, designer e illustratori. Si può connettere a Behance, pur restando due applicazioni differenti.

Adobe Portfolio è gratis per chi possiede una licenza Adobe o Cloud

Altre piattaforme di portfolio gratuite

Sono contraria queste soluzioni. Anche nelle loro versioni a pagamento, sono molto limitate rispetto a un sito con dominio. In generale, sono una alternativa meno professionale che può andar bene come soluzione temporanea o di emergenza.

In tal caso, però, è meglio impegnare il nostro tempo su una piattaforma tra quelle citate sopra, dotata di un network di contatti che possiamo sfruttare anche dopo aver costruito il nostro sito definitivo.


Se questa carrellata ti ha chiarito le idee, ricordati di votare l’articolo e iscriverti a Touched By Art per non perderti i prossimi.

4.5 2 votes
Vota questo articolo
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Risorse, Corsi e Tutorial per Illustratori, Fumettisti, Freelance Creativi e Autori Indipendenti Entra Gratis